Ci dai il tuo 5x1000?

Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito.

***

Antoine de Saint-Exupéry



Galleria fotografica

Galleria fotografica > I bellunesi riempiono il teatro Comunale per lo spettacolo delle Bretelle Lasche a favore dell'Associazione Movimento Fraternità Landris Onlus

I bellunesi riempiono il teatro Comunale per lo spettacolo delle Bretelle Lasche a favore dell'Associazione Movimento Fraternità Landris Onlus

31/03/2014

L'iniziativa

L'iniziativa

Si è tenuto con enorme successo venerdì 28 marzo alle ore 20,45 al Teatro Comunale di Belluno lo spettacolo “Si fa ma non si dice” che le Bretelle Lasche e il Lions Club Host Belluno, con il patrocinio del Comune di Belluno e la partecipazione del Circolo Cultura e Stampa bellunese, hanno offerto – con una prima in centro città – con scopo benefico a favore dell'Associazione Movimento Fraternità Landris Onlus e della Comunità Terapeutica.

Lo spettacolo prende ispirazione dal testo di “Signori e signore” di P. Piccoli e A. Genovese, uno degli esiti più alti della commedia all’italiana, rielaborato in chiave tutta bellunese da Silvia De Min, con la regia di Francesco Portunato. Prendendo spunto da personaggi realmente esistiti, le Bretelle Lasche mettono in scena il loro nuovo spettacolo, che rappresenta con allegria la nostra “salda e “ciara” Belluno alla stregua di una Babilonia lussuriosa, disonesta e decadente e che a volte relega ai margini.

Le ipocrisie e i vizi che ci accomunano ai simpatici personaggi, visti in scena, sembrano amplificarsi: fare scandalo, amare lo scandalo, coprire lo scandalo.

Ma la piazza è spesso cattiva e isola i propri matti (e le proprie matte!), che finiscono per avere una zona d’osservazione ai margini, esterna e forse privilegiata, di chi non ha nulla da perdere e può permettersi di parlare. “Si fa, ma non si dice” è uno spettacolo brillante; il pubblico si è divertito, ridendo…anche un po’ di sé. Nella speranza che l’immobilismo a cui ci condanniamo possa un giorno essere spazzato via da una nuova aria, anche qui, sulle nostre amate montagne.

Lo spettacolo ha già portato grande soddisfazione alla compagnia teatrale, che recentemente si è aggiudicata i premi di “Miglior Spettacolo”, “Miglior Regia” e “Premio Giuria Giovani” al 34° Concorso nazionale del teatro dialettale di Laives".

(da bellunopress e sito Bretelle Lasche)

Foto di scena

Foto di scena

Foto di scena

Foto di scena

Foto di scena

Foto di scena

Foto di scena

Foto di scena

Dalla prima galleria venerdì sera

Dalla prima galleria venerdì sera

Dalla prima galleria venerdì:sera

Dalla prima galleria venerdì:sera

Dalla prima galleria venerdì:sera

Dalla prima galleria venerdì:sera

Dalla_prima galleria venerdì sera

Dalla_prima galleria venerdì sera

[ Link alla galleria ]